C’era una gatta

C’era una gatta.

Al mio passaggio in cucina si stendeva sul tappeto

e attendeva.

Così mi chinavo e,

ora dolcemente, ora con più energia,

passavo le unghie dove più

sapevo

le piacesse.

Raramente mi ricompensava con le fusa,

io che avevo sempre sognato che arrivasse

e mi balzasse in grembo,

cercandomi,

al massimo ottenevo che si stendesse sul tappeto

e si beasse dei miei grattini.

E c’era una donna.

Di quando in quando si stendeva

e attendeva.

Così mi avvicinavo

e sfioravo di dita i suoi capezzoli,

di labbra il collo

e affondavo altre mie mani,

ora dolcemente, ora con più energia,

nella fabbrica del piacere.

Il mio premio era un primo orgasmo,

io che avevo sempre sognato che arrivasse

e mi balzasse in grembo,

cercandomi,

al massimo ottenevo che si stendesse sul tappeto

e si beasse dei miei grattini.

Share
Con le parole chiave , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

2 reazioni a C’era una gatta

  1. Giuli Jul ha scritto:

    Grazie per la fiducia, innanzitutto. Noto che nei tuoi scritti vi è una realazione con l’eros. Ne ho letti due e ho colto questa questa costante . A differenza di quello che ho letto ieri e induceva a prolungarlo come racconto di vita, trovo bello anche questo ma più adatto a un testo musicale. Sei un musicista, l’arte ti abita che tu lo voglia o no. Il testo musicale , diversamente dal racconto breve, permette al lettore di continuare a pensare sul non scritto. Il testo musicale è un messaggio, uno stato d’animo, un viaggiar di parole che trovano l’apoteosi nelle note e negli strumenti. È un mio parere ed è così modesto quanto amichevole ed affettuoso. Su quello di ieri potresti lavorarci e farne un racconto più lungo. Con lo stesso finale . Una mia sensazione del tutto astratta e immotivata, forse mi sbaglio. Scrivi molto bene e sono originali gli scritti come quelli di ieri, tuttavia colgo forse sbagliando del tutto, che tu sia trattenuto nella scrittura . Come se qualcosa ti impedisse di lasciar prendere il volo alla penna . Una resistenza, una censura inconscia . Probabilmente mi sbaglio. Difficilmente mi sbaglio Ossimoro dovuto a te che ti fidi di me . Grazie. Stima ricambiata .

  2. Giuli Jul ha scritto:

    Mi scuso per gli errori di dgt. Sto risponde da iPhone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *